7 curiosità sugli strumenti musicali - Audiophonic Magazine

1Il pianoforte è considerato uno strumento percussivo, poiché il suono è riprodotto dai martelletti che colpiscono le corde.

2Probabilmente conosci uno strumento di nome Theremin, ideato da Leon Theremin, prolifico inventore russo. Egli progettò anche la prima Drum Machine, nel 1931, capace di riprodurre 16 ritmi differenti.

3L’armonica di Franklin è una armonica a vetri perfezionata da Benjamin Franklin nel 1800. Il normale funzionamento dell’armonica a vetri prevedeva lo strofinamento delle dita su anelli di vetro, con conseguente riproduzione di suono. Franklin introdusse la rotazione automatica dei vetri, in modo da facilitare il compito del musicista.

4Le prime corde degli strumenti musicali erano di origine animale. Più precisamente si ricavavano dalle interiora di animali, molto spesso pecore o felini. Con la produzione di massa e l’arrivo della seconda guerra mondiale, si optò per un più conveniente (e meno macabro) nylon.

5Il Piano a vapore era un piano automatico decisamente ingombrante e pesante, per via del motore a vapore che alimentava il movimento dei tasti. Il suono è tipicamente associato al circo perché utilizzato all’epoca d’oro delle compagnie circensi.

6Uno dei strumenti più antichi ancora utilizzati è l’arpa, con ritrovamenti in Asia ed Europa fino al 3500 A.C. Esistono molte varianti in base al numero di corde (fino a 47) e la presenza di pedali (come nel pianoforte).

7Il Cajon è uno degli strumenti percussivi più semplici ma più completi. In sostanza permette di ottenere un suono simile al rullante verso i bordi e della grancassa verso il centro, ed è possibile creare la propria versione con pochi accorgimenti:

Puoi leggere altri articoli di Alessandro sulla sua pagina facebook e su It’s Only Music

Print Friendly, PDF & Email